Sons of Anarchy Stagione 7 (DVD-Blu Ray) in uscita il 24 Febbraio

By in gennaio 21, 2015 • Filed in: News, Stagione 7

Sons of Anarchy Season 7 DVD Cover

Completa la tua collezione e rivivi l’adrenalina batticuore per la stagione finale dell’esplosiva saga di bikers fuorilegge creata da Kurt Sutter, “Sons of Anarchy”. Scosso dalla morte della donna che ama, Jax Teller guida SAMCRO a tutto gas verso la strada infernale della vendetta, impedendo a niente e nessuno di ostacolarlo nel suo intento. Per le strade di Charming scorre il sangue tra alleanze instabili ed errori fatali che conducono al caos, tradimento e massacro senza quartiere. Il conteggio dei morti vola, e oscuri segreti lasciano il posto a verità ancor più cupe, fino al punto che l’unica domanda rimasta è chi vivrà… e chi morirà.

INFORMAZIONI:

Format: Multiple Formats, Box set, Color, Dolby, DTS Surround Sound, Subtitled, Widescreen, NTSC

Lingua Audio: Inglese (Dolby Digital 5.1)

Sottotitoli: Inglese, Francese, Spagnolo

Versione DVD: 5 dischi

Versione Blu Ray: 4 dischi  »Continua a leggere



Charlie Hunnam Ospite della Sfilata di Calvin Klein a Milano

By in gennaio 19, 2015 • Filed in: Charlie Hunnam

Charlie Hunnam ha partecipato il 18 gennaio alla sfilata di Calvin Klein durante “Milano Moda Uomo”, ospite di Italo Zucchelli, Direttore Creativo della linea maschile del brand, che potete vedere nelle foto sotto insieme a Charlie, il quale vi ricordiamo è anche testimonial del profumo targato CK “Reveal

Charlie+Hunnam+CALVIN+KLEIN+COLLECTION+Front+cElqbUQzkUnx Charlie+Hunnam+CALVIN+KLEIN+COLLECTION+Front+9g-3JILcSKkx Charlie+Hunnam+CALVIN+KLEIN+COLLECTION+Front+_Tg9ueRzphhx

Charlie+Hunnam+CALVIN+KLEIN+COLLECTION+Front+vi_8IwrIIUex Charlie+Hunnam+CALVIN+KLEIN+COLLECTION+Front+gr_ryFuMGMrx Charlie+Hunnam+CALVIN+KLEIN+COLLECTION+Front+jG7NbNzTzuBx

Charlie+Hunnam+CALVIN+KLEIN+COLLECTION+Front+vTwW1YzOZr4x Charlie+Hunnam+CALVIN+KLEIN+COLLECTION+Front+M6eWAipX_Ttx Charlie+Hunnam+CALVIN+KLEIN+COLLECTION+Front+yFKoo7JCgGqx

 

»Continua a leggere



Charlie Hunnam sarà il protagonista di “American Drug Lord”

By in gennaio 16, 2015 • Filed in: Charlie Hunnam

Dopo aver ricoperto per 7 anni il ruolo del tragico leader di un club di bikers fuorilegge in “Sons Of Anarchy”, Charlie Hunnam interpreterà un altro personaggio che si perde nella rete del traffico di droga. Legendary ha acquistato i diritti per adattare sul grande schermo l’articolo comparso sul Rolling Stone nel 2011 dal titolo “American Drug Lord”, affidando la stesura dello script a Jason Hall, sceneggiatore di “American Sniper” (candidato ai prossimi premi Oscar per “Miglior Film” e “Miglior sceneggiatura non originale”).

Legendary produrrà la pellicola insieme a Dede Gardner e Jeremy Kleiner di Plan B e Charlie Hunnam. Il film si basa sulla storia di Edgar Valdez, un giocatore di football scolastico del Texas che sarebbe diventato l’unico cittadino americano ad ascendere al livello di leader del cartello della droga in Messico. Dalla sua base nella città di Acapulco, Valdez, soprannominato “La Barbie” dal suo allenatore di football del liceo, è riuscito a guadagnare 130 milioni dollari in un anno nei suoi traffici illeciti, smerciando droga dalla Colombia. Divenne sempre più temuto e da quel che si dice accrebbe la sua fama filmando le esecuzioni brutali dei rivali, pubblicandole poi su Internet. Mentre le ricchezze derivanti dalla droga s’intensificavano sempre più insieme alla violenza, i cartelli rivali si misero l’uno contro l’altro, con l’aiuto di poliziotti corrotti. La vita di Valdez, a quel punto, divenne una lotta costante per restare in vita.

Jillian Share e Sophie Sikora supervisioneranno il progetto per la Legendary e Sarah Esberg di Plan B sarà il produttore esecutivo. L’articolo comparso sul RS è stato scritto da Vanessa Grigoriadis e Mary Cuddehe.

Fonte



Sons of Anarchy nominato “Best TV Show” del 2014

By in dicembre 29, 2014 • Filed in: Articoli, Stagione 7

SOA_ep713_1214_hires1-938x535

Damon Martin, giornalista professionista e fondatore del sito Nerdcore Movement, ha stilato la classifica dei migliori programmi televisivi del 2014 e “Sons of Anarchy” si è aggiudicato il primo posto…

La televisione sembra aver raggiunto vette inaspettatamente alte nel 2014 con alcuni nuovi show che vanno in onda e sono emersi così velocemente tanto quanto molti dei drammi seriali ai quali sono occorsi anni per svilupparsi e farsi conoscere. Allo stesso tempo, sempre più giocatori sono scesi in campo, come Netflix, che sono entrati nel mercato con prelibatezze che hanno tentato gli spettatori ad una visione ossessiva, a tutte le ore della notte, perché non potevano andare a letto senza vedere un altro episodio.

I network come NBC, ABC, CBS e FOX sono virtualmente morti visto che a malapena hanno offerto qualcosa che è finito sul radar del “meglio dell’anno” e questo in gran parte perché quando si tenta di rivolgersi a maggior pubblico possibile, si perde il nucleo di quel pubblico alla ricerca di qualcosa di speciale da guardare il Martedì sera. Se una notte girando casualmente canale mi capita di vedere qualche dramma procedurale e senza batter ciglio, capisco i personaggi, la trama e come gli eventi probabilmente evolveranno la prossima settimana, non mi hai catturato come spettatore.

No, gli show che in realtà sembrano aver incapsulato telespettatori quest’anno sono state le serie tv che richiedevano di essere un mega-fan ossessionato. Il tipo di persona che andava a comprare libri e colonne sonore di uno show e poi trascorreva un’intera settimana a teorizzare su quello che è successo nella puntata precedente, prima di provare a suggerire idee su ciò che sarebbe accaduto nel successivo. Previsioni su previsioni che alla fine sono state deluse quando i maestri della narrazione sono andati verso una direzione completamente diversa la settimana seguente.

Il 2014 è stato un ottimo anno per la televisione dai nuovi show che hanno debuttato alle amate serie che si sono concluse. Con più opportunità di scelta che spuntano ogni giorno è difficile ridurre ad un elenco il meglio del meglio, perché inevitabilmente qualcosa sarà lasciato fuori ed è una decisione difficile da prendere. Tuttavia, è pur sempre una scelta soggettiva per lo spettatore quindi con questo pensiero in mente vi presento i migliori tv show del 2014.

BEST TV SHOW DELL’ANNO – Sons of Anarchy (FX)

Probabilmente se siete lettori abituali di questo sito web, ormai vi è piuttosto chiaro che io sia un grande fan di “Sons of Anarchy”, ma la stagione finale mi preoccupava – nel bene e nel male. Quando una delle serie preferite di tutti i tempi come questa sta per finire, le domande cominciano a sorgere sul creatore se la concluderà bene o terribilmente male. Probabilmente non è giusto giudicare una serie basandosi su alcuni episodi o peggio ancora solo dal modo in cui finisce, ma questa è l’età in cui viviamo quando si tratta di grande televisione. Questi show sono costruiti come i libri – vogliamo un buon inizio, una parte centrale incredibile e una fine avvincente.  »Continua a leggere



Il cast di Sons of Anarchy fotografato da Michael Becker

By in dicembre 28, 2014 • Filed in: Stagione 7

Nuovo servizio fotografico con protagonista il cast di Sons of Anarchy fotografato da Michael Becker.

SOA_0002

SOA_0001 SOA_0016

SOA_0004 SOA_0012

»Continua a leggere



Riviviamo attraverso queste immagini il finale di SOA

By in dicembre 19, 2014 • Filed in: Stagione 7

Il sito Entertainment Weekly ha lanciato una sfida a tutti i fans di Sons of Anarchy. Riuscite a guardare queste foto del series finale “Papa’s Goods” senza versare una lacrima?

Provateci e fateci sapere com’è andata!

Qualsiasi inquadratura della faccia di Tommy Flanagan durante quelle scene sul tetto sicuramente è commovente, ma questa cattura lo shock e la tristezza di Chibs mentre ascolta il piano di Jax.

SOA-713-05

 

La calma prima della tempesta finale. La mano sulla gamba.

Jax-and-Chibs

 

»Continua a leggere



Le 21 morti più importanti di Sons of Anarchy secondo E!Online

By in dicembre 17, 2014 • Filed in: Articoli

La corsa settennale di Sons of Anarchy si è conclusa Martedì 9 Dicembre e l’ha fatto in un tripudio di gloria e… sangue. Kurt Sutter non ha proprio risparmiato nessuno in queste sette stagioni, e il sito E!Online ha stilato la propria classifica riguardo alle morti più importanti di SOA. Di seguito trovate la foto del personaggio e la motivazione della scelta. Fateci sapere se concordate o meno con queste posizioni!

21. DAVID HALE (TAYLOR SHERIDAN)

DAVID HALE (TAYLOR SHERIDAN)

Questa morte vince il premio per “la morte più casuale”, considerando che il vice sceriffo di Charming fu fatalmente investito durante il funerale di Half- Sack.

»Continua a leggere



“Anarchy Afterword”: le ultime considerazioni di Sutter e Charlie Hunnam sul finale di SOA

By in dicembre 16, 2014 • Filed in: Anarchy Afterword, Charlie Hunnam, Kurt Sutter, Stagione 7

Anarchy Afterword

A prescindere da quali siano i vostri personali sentimenti riguardo agli ultimi attimi del series finale di Sons of Anarchy, non si può negare che l’episodio 7×13 “Papa’s Goods” passerà alla storia come uno dei capitoli più epici ed emozionanti della televisione.

Dopo 7 anni, Jax Teller ha incontrato Mr Mayhem ma invece di essere ucciso dal suo club come punizione per aver fatto fuori il presidente di un altro charter di SOA, con l’aiuto dei suoi fratelli ha inscenato la sua fuga e ha preferito suicidarsi andando incontro ad un camion mentre guidava la motocicletta del padre JT.

Martedì 9 Dicembre, in seguito alla messa in onda di “Papa’s Goods”, Kurt Sutter e Charlie Hunnam sono stati protagonisti dell’ultimo episodio di Anarchy Afterword per discutere del finale e dire addio a Sons of Anarchy.

“7 anni, amico mio”, Sutter ha detto rivolto a Charlie mentre sedevano uno di fronte all’altro intorno all’iconico tavolo di SAMCRO. “Possiamo raccontarne di storie”. “E’ la fine di un’era per noi”, concorda Charlie Hunnam. “Di tante notti insonni e parecchie bottiglie di tequila”.

Uno dei primi argomenti discussi è stato il processo d’evoluzione maturato nel corso degli anni sia a livello di scrittura sia di recitazione:

KURT SUTTER: Il modo in cui ho scritto e ho gestito lo show è cambiato di stagione in stagione. A volte si è trattato d’imparare qualcosa sul mio mestiere, altre volte di raccogliere gli stimoli forniti dalle forze creative con cui stavo lavorando, ed è così che sono stato in grado di allargare un po’ di più la mia visione, piuttosto che mantenere un unico punto di vista sul percorso, permettendo quindi anche ad altre influenze di condizionarmi. Tutto ciò ha cambiato il modo in cui scrivevo lo show e la maniera in cui dirigevo gli attori nello show.

CHARLIE HUNNAM: Penso che il mio processo d’evoluzione sia stato probabilmente simile al tuo, ma forse diverso in specifiche sfumature. Per me in un certo senso si è trattato di riuscire a rilassarmi nel corso degli anni, senza dover aver precise idee o rigide interpretazioni su come tutto dovesse essere recitato. Credo di essere cresciuto e di aver acquisito maggior sicurezza, consentendo a me stesso la libertà di fare “i miei compiti a casa” ma di arrivare sul set senza nulla di pianificato, così che potessi essere il più onesto e autentico possibile nell’ambiente che mi circondava e con le persone con le quali lavoravo. Ha richiesto un certo grado di coraggio e sicurezza per farlo, perché all’inizio, sinceramente, la stagione 1 è stata per me la stagione “del dialetto Americano”, ho trascorso un’enorme quantità del mio tempo e delle mie energie nel concentrarmi sulla pronuncia. Se ripenso a quella stagione sono molto consapevole di essermi come “contenuto”, quindi una volta superato questo problema, è stato un gigantesco passo avanti per me, dopo la stagione 1, potermi semplicemente rilassare e dimenticarmene.  »Continua a leggere